Visitaci su facebook

News

marzo 2019

ASSAPORA E CONDIVIDI

Il nostro viaggio verso la meraviglia continua...e, dopo l'osservazione e l'ascolto, ci concentriamo sul gusto!
Abbiamo conosciuto i doni della terra giocando a fare il mercato con vera frutta e verdura.
Con le uova offerte da "Terra Tuinse" e l'aiuto di esperti nonni, abbiamo realizzato le tagliatelle fresche, poi abbiamo preparato con le nostre mani la pizza, il salame di cioccolato e creato il burro dalla panna.
Abbiamo assaporato i gusti ma soprattutto, secondo la nostra tradizione, abbiamo sperimentato che preparare qualcosa di buono e condividerlo con gli amici ha tutto un altro sapore!





febbraio 2019

GIOCHIAMO CON SUONI E RITMI

Bum bum, e...ciaffff!!
Gatti, canta-alberi, scimmie, coccodrilli, fiori danzanti...questo abbiamo trovato nella foresta dei suoni!
Un'esperienza di immersione nella musica, nei ritmi e nei movimenti che da essi nascono spontanei, per sostenere nei nostri bimbi lo sviluppo della concentrazione "in relazione a", ovvero l'ascoltare e l'ascoltarsi.




gennaio 2019

A VOLTE CERCHIAMO UNA COSA E NE TROVIAMO UN’ALTRA,
ANCORA PIÙ BELLA E INASPETTATA…

Lettura ed esperienza manipolativa
e ludico espressiva coi bambini di 3 anni

Un autobus, un autobus giallo, quello della scuola.
Una fermata, la prima, una bambina: Lisa. E il suo palloncino rosso.
Aspetta, poi l’autobus arriva. Si parte! E quando c’è una prima fermata, c’è un viaggio. Sale Orso, e poi Coniglio, Pinguino, Elefante, Giraffa.
“Ciao? Ti piace il mio palloncino rosso? È un regalo”. Un regalo che il vento prende e porta lontano.
Il viaggio allora diventa una rincorsa al palloncino, un’impresa condivisa da ciascuno degli amici per avvistare (aguzzando la vista e divertendosi tra le figure) il regalo smarrito.
La storia prosegue con una struttura ripetitiva che piace molto ai bambini, perché possono prevederla e farla propria, arricchendosi di particolari e di scoperte.
“Ci siamo quasi, yuppie!”. Il gruppo si avvicina al palloncino rosso, è ormai sicura la riconquista, quando un uccello nero, forse un corvo, dal becco molto accentuato, lo buca. Profondo il dispiacere, che provoca in Lisa un pianto dirompente.
“Sorridi… abbiamo un regalo per te!” le dicono gli amici, invitandola a voltarsi e a guardare l’enorme palloncino rosso che li attende: il sole, il sole al tramonto.
Un “regalo speciale” perché c’è –che sorpresa!- per sempre.

K. YAMADA, Il palloncino rosso, ed. Il Castello




novembre 2018

Chi ha paura del buio?

Se diventa qualcosa da scoprire insieme, illuminato dalle torce, allora si può entrare in una stanza tutta buia e scoprirne la magia.
I bambini hanno scoperto che la luce rende visibile forme e colori, ma anche lei ha un colore...anzi di più!!!




novembre 2018

ATTRAVERSO LA LETTURA

Abbiamo letto Cappuccetto blu di B. Munari e i nostri piccoli scoprono il blu...


novembre 2018

DALLA CONOSCENZA ALL'INVENZIONE...
le foglie diventano parte dei nostri disegni




novembre 2018

OSSERVIAMO LA MERAVIGLIA DELLE FORME DELLA NATURA

Dalla raccolta e dall'attenta osservazione di ciò che la natura offre, nascono infinite possibilità di scoperta e conoscenza, stimoli alla creatività!








ottobre 2018

OSSERVIAMO LA MERAVIGLIA DELLE FORME DELLA NATURA






ottobre 2018

CON UN PENNELLO IN MANO

"Si pensa che con un pennello in mano il bambino impari a disegnare, ma [...] con un pennello in mano, il bambino impara ad essere"
Ascoltando la "Pastorale" di Beethoven i bambini hanno dipinto in atelier ispirandosi al metodo suggerito da A. Stern.






ottobre 2018

PROGETTO SCUOLA-IN-NATURA

"Troverai più nei boschi che nei libri.
Gli alberi e le rocce ti insegneranno cose che nessun maestro ti dirà."

S.Bernardo di Chiaravalle, 1090-1153

In questo inizio d’anno vogliamo proporre ai bambini di 5 anni un progetto pedagogico particolare chiamato SCUOLA-IN-NATURA.
Una delle nostre maestre si è interessata all’esperienza dell’”Asilo nel bosco” e ha seguito la formazione perchè potessimo, come scuola Litta, fare nostre alcune metodologie di lavoro coi bambini all’aperto.
Condividiamo all’origine la convinzione che i nostri piccoli “imparano facendo” e che l’esperienza sia un dispiegarsi dei cinque sensi nella realtà circostante, illuminata da un’ipotesi di significato positivo che l’educatore testimonia.
Sassi, pigne, foglie e pezzi di legno, acqua e terra sostituiranno giocattoli e libri, con l’intento di stimolare le facoltà di osservazione e immaginazione dei bambini e per lasciarli agire sulla realtà, scoprendone aspetti inattesi e nuove possibilità di gioco.




ottobre 2018

DESTINAZIONE MERAVIGLIA

Percorso dell'anno 2018-19

Il tema che ci condurrà quest’anno verso la mission della Scuola, che è sempre l’incremento della coscienza di sé e della conoscenza del reale, sarà “Destinazione meraviglia”. I mesi dell’anno saranno tappe di un viaggio verso questo stato d’animo che ciascuno in qualche modo desidera sperimentare: capita a tutti di sorprendersi appagati dall’improvviso apparire di un panorama montano, quando il cielo è terso e apriamo le finestre, o dalla luce calda di un tramonto, o dalla fragranza di un fiore o dalla voce amica che finalmente ci raggiunge. Per intraprendere questo viaggio, la natura ci ha dotati dei sensi, che esploreremo con i bambini affinando le capacità percettive e scoprendo i doni che tutti e cinque ci offrono. “Fermati e… osserva, respira, assapora, ascolta, accarezza…”: fermati, prenditi del tempo, abbi la pazienza di attendere, lascia spazio alla meraviglia. Tutto questo sembra semplice o banale invece è importantissimo coltivare nei piccoli (e recuperare noi adulti) questa posizione di apertura, curiosità e non scontentezza per godere pienamente della bellezza che ci circonda. L’insegnante riveste, in questa dinamica di scoperta e di conoscenza, la funzione “del dito indice”: offre cioè delle occasioni di incontro, promuove esperienze, indicando la direzione e focalizzando l’attenzione. A tutte le età, infatti, ma con i bambini soprattutto, la conoscenza è un’”avventura amorosa con il mondo”(M.Mahler), dove sicuramente il rapporto affettivo con l’adulto che accompagna è fondamentale per aprirsi positivamente a quello che c’è fuori da sè.


ottobre 2018

Accoglienza

La lettura di questi libri ci ha aiutato a vivere la grande avventura dell'inizio: inizio di una scuola nuova, conoscenza di amici nuovi e scoperta di un "io" che diventa più maturo e più cosciente.

M.Waddel, P.Benson, I TRE PICCOLI GUFI, Mondadori.

La voglia di diventare grandi si accompagna sempre al bisogno di tenerezza.I tre piccoli gufi aspettano che la loro mamma torni a casa, intanto "come tutti i gufi pensano molto", ovvero provano a spiegarsi il motivo della sua assenza, si consolano a vicenda e il più piccolo continua a ripetersi "Voglio la mamma!".
Una storia per accogliere i sentimenti di paura e di abbandono ma soprattutto per confermare i nostri piccoli che la mamma torna sempre! Nell'attesa del suo ritorno, si guadagna ancora di più una grande verità: "Io voglio bene alla mia mamma!". Ma la sorpresa più incredibile è vedere che tra i rami di un albero del nostro giardino c’è un gufo (vero!) che ci fa compagnia.


M.Pfister, ARCOBALENO Il pesciolino più bello di tutti i mari, Nord-Sud edizioni

Arcobaleno è il pesce più bello di tutti i mari. Lo chiamano così perché le sue squame brillano di tutti i colori dell'arcobaleno. Ma, ahimè, è così fiero e vanitoso che tutti lo evitano e lui si sente molto solo. Un giorno, però, su consiglio di un saggio amico regala a un pesciolino una delle sue belle squame e sente muovere qualcosa nel suo cuore…così ne regala un'altra, poi un'altra e un'altra ancora... Scopre che, quando si divide quel che si ha con gli altri, si diventa felici e pieni di nuovi amici!


T.Corderoy, R.Beardshaw, PERFETTA PER DUE, LaFeltrinelli

Cane pensa di avere tutto ciò di cui ha bisogno nella sua grande valigia blu. È perfetta per tutti i piccoli tesori che ha collezionato lungo la strada (una piccola pigna, un sasso, un bastone, una piuma, delle foglie, un bottone…) ed è sicuro di non aver bisogno di nient'altro per essere felice. Finché una mattina compare Topo. Giocano insieme ma poi, quando Cane rimane solo, si accorge che gli manca qualcosa…finchè fa una scoperta: “Sei tu! Tu sei quel qualcos’altro di cui ho bisogno!”. “Ma io non sono speciale…” si meraviglia Topo. “Tu sei tu! E questo è molto speciale.” Con il nuovo amico, quella giornata diventa “la più bella di sempre” e ora la grande valigia blu è perfetta per due.


La privacy policy

P. IVA: 00987580966

La Mappa del Sito